Home CROMATISMI Mercoledì 16 febbraio > Davide Ranaldi

Mercoledì 16 febbraio > Davide Ranaldi

Teatro Miela – ore 20.30

Davide Ranaldi – pianoforte  

Franz Joseph Haydn (1732 – 1809)
Sonata in mi bemolle maggiore Hob.XVI/52
1.Allegro
2.Adagio
3.Finale – Presto

Johannes Brahms (1833 – 1897)
Variazioni op.35 sopra un tema di Paganini – Vol.I
Variazioni I – XIV

Franz Liszt (1811 – 1886)
Sonata in si minore
Lento assai – Allegro energico – Andante sostenuto – Lento assai

Definito “un pianista sincero e nato per l’esibizione in pubblico”, Davide Ranaldi ha iniziato gli studi del pianoforte all’età di quattro anni. Si è laureato nel 2021 al Conservatorio “G. Verdi” di Milano con il massimo dei voti, la lode e una menzione speciale “per qualità tecnico-musicali di altissimo livello”.

Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali ed è stato vincitore del primo premio assoluto dei seguenti concorsi: “Città di Stresa”, “Monterosa Kawai”, la prima edizione del “Concorso Internazionale di Musica Tadini”, “Nuova Coppa Pianisti” di Osimo, “Piano Talents” di Milano, “Malta International Piano Competition” e il “Premio Martucci” di Novara. Recentemente Ranaldi ha suonato il Terzo Concerto di Rachmaninov con l’Orchestra Sinfonica Nazionale dell’Ucraina a Kiev. Ha inoltre eseguito il primo Concerto di Franz Liszt, il primo Concerto di Rachmaninov e il Concerto n. 20 (K466) di Mozart al Festival “Piano Talents with Orchestra” di Milano. A gennaio 2020 ha vinto il “Premio del Pubblico” al Concorso Pianistico di Livorno.

Nell’anno 2021 ha vinto il Primo Premio nella XXXVII edizione del prestigioso Concorso “Premio Venezia” ospitato al Teatro La Fenice di Venezia e riservato ai migliori diplomati dei Conservatori italiani. A conclusione del 2021 è stato invitato a suonare il Concerto n. 2 di Beethoven diretto dal M. Donato Renzetti, inaugurando con tre concerti il progetto culturale “Nell’Olimpo di Beethoven”, progetto che si terrà dal 2021 al 2026. Davide Ranaldi attualmente vive a Milano ed è seguito nel suo perfezionamento da Alexander Romanovsky e da Leonid Margarius.

Comments are closed.