Home Un Aperitivo al Tramonto 2019 Domenica 6 ottobre – ore 18:00 >
Slowind di Lubiana

Domenica 6 ottobre – ore 18:00 >
Slowind di Lubiana

Aleš Kacjan – flauto
Matej Šarc – oboe
Jurji Jenko – clarinetto
Metod Tomac – corno
Paolo Calligaris – fagotto

Domenica 6 ottobre 2019 – ore 18:00
PALAZZO DE GRAZIA – Via Oberdan 15 Gorizia

breve introduzione sul fagotto

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
Serenata in do minore KV 388 Nacht Musik (dall’Ottetto di fiati)
1. Allegro 2. Andante 3. Menuetto in canone con trio 4. Allegro

Giulio Briccialdi (1818 – 1881)
Quintetto per fiati in re maggiore op.124
1. Allegro marziale. Più mosso 2. Andante. Meno moto 3. Allegro

György Ligeti (1923 – 2006)
6 Bagatelle per quintetto di fiati
1. Allegro con spirito 2. Rubato. Lamentoso 3. Allegro grazioso 4. Presto ruvido
5. Adagio. Mesto (Béla Bartók in memoriam) 6. Molto vivace. Capriccioso

SLOWIND è un quintetto di fiati formato dalle prime parti dell’Orchestra Filarmonica Slovena, complesso sinfonico con una ricchissima tradizione musicale, iniziata a Lubiana nel 1701. Il repertorio dell’ensemble Slowind include tutte le maggiori opere classiche per quintetto di fiati, ma vengono affrontati con particolare attenzione anche i più recenti lavori dei compositori contemporanei, che sono proposti in molti festival e stagioni concertistiche in Europa (Lubiana, Venezia, Firenze, Berlino, Vienna, Berna, Bruxelles, in Svezia, a Budapest, Friburgo, Strasburgo, Zagabria, Copenaghen) e nel mondo (U.S.A., Canada, Messico, Mongolia, Giappone). Gli impegni più recenti del Quintetto hanno visto la presenza come “ensemble in residence” al Festival di musica contemporanea a Takefu, in Giappone, al concerto di apertura alla Biennale di Venezia 2015, a Ginevra in collaborazione con l’Ensemble Contrechamps. Slowind organizza annualmente a Lubiana (dal 1999) un importante Festival di Musica da camera con numerosi ospiti, tra i quali troviamo Heinz Holliger, Arvid Engegard, Aleksandar Madžar, Alexander Lonquich, Vinko Globokar, Emanuele Torquati, Jurg Wyttenbach, Martin Smolka, Muriel Cantoreggi, Christiane Iven, Steven Davislim, Robert Aitken, Toshio Osokava, Daj Fujikura, Matthias Pintscher, Ivan Fedele ed altri. Numerosissime le pagine contemporanee al Quintetto dedicate. Per i loro successi in campo internazionale i cinque membri di Slowind hanno ricevuto il Premio della Città di Lubiana (Zupančičeva nagrada) nel 2000 e il Premio Preseren nel 2003.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.