Home Other Concerts 14 settembre 2015 > Danilo Rea

14 settembre 2015 > Danilo Rea

Danilo Rea nato a Vicenza, quasi per caso, è romano ma non d’adozione: è romano perché la sua storia in musica nasce a Roma tra le pareti della sua casa dove l’incanto per i vecchi vinili di Modugno è più forte, a sei anni, di qualsiasi gioco. Il vero gioco è suonare il piano, il vero incanto è la musica, il vero sogno è la melodia, il vero abbandono è nell’armonia.

E la passione diventa studio al Conservatorio di Santa Cecilia, dove si diploma con il massimo dei voti.

Appena maggiorenne esordisce come musicista jazz con lo storico Trio di Roma; sono gli anni 70 e Danilo Rea accompagna come pianista i più importanti cantautori italiani: Mina lo vuole prima ancora che Gino Paoli, entrambi gli restano fedeli negli anni, fino ad oggi. Da subito suona e collabora con i più grandi del jazz come Chet Baker, Lee Konitz, John Scofield, Steve Grossman, Bob Berg, Michael Brecher, Joe Lovano, Phil Woods. Recentemente ha eseguito concerti a due pianoforti con eccezionali pianisti internazionali: Brad Mehldau, Danilo Perez, Michel Camilo e Luis Bacalov, ma sono i suoi concerti di piano solo con le sue improvvisazioni, che spaziano su qualsiasi repertorio, che lo hanno portato ad esibirsi in tutto il mondo: oltre ad essere stato il primo jazzista ad avere un concerto di piano solo alla Sala di S. Cecilia (nel 2003), nel 2006 è stato protagonista di un concerto memorabile al Guggenheim Museum di New York. Successivamente con “Concerto per Peggy”, in occasione del 60° anniversario della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia, ha omaggiato la Guggenheim con un recital pianistico che attraversa e celebra la musica classica americana della prima metà del secolo scorso. Nel 2009 si è esibito al Teatro La Fenice di Venezia e ha chiuso la stagione della Camerata Musicale Barese con un concerto al Teatro Petruzzelli.

Oltre al jazz prosegue anche un intenso rapporto con la musica classica: ha già pubblicato diversi dischi di improvvisazione su arie liriche, grazie ai quali è arrivato ad aprire il “Festival del bel canto” con il concerto “Belcanto Improvisations”. Recentemente ha inciso “Tributo a Fabrizio De André”, album pluripremiato ed eletto dalla critica disco dell’anno di solo piano.

Progetti attuali: oltre al concerto per piano nel quale propone i brani dei suoi dischi (Lirico e Tributo a De Andrè) è in concerto con Gino Paoli con il quale ha pubblicato negli ultimi due anni 2 dischi (Due come noi che…… e Napoli con amore). Inoltre attualmente è impegnato con un nuovo progetto di improvvisazione al pianoforte su brani di musica classica eseguiti con un’orchestra.

Novità: nel maggio 2014 è stato pubblicato il nuovo Cd Doctor3, trio jazz multi premiato e di cui Danilo Rea fa parte. Prevista entro l’anno l’uscita di un nuovo disco in piano solo con proprie composizioni originali.

Comments are closed.