Trasparenza Legge 112/2013
Chamber Music di Trieste
 

 Trieste, 19 gennaio 2017

In ottemperanza a quanto disposto dall’art.9, comma 2 e 3 del Decreto Legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n.112, pubblichiamo e aggiorniamo sul nostro sito, a partire dal 30 gennaio 2014, le seguenti informazioni relative ai titolari di incarichi amministrativi e artistici di vertice e di incarichi dirigenziali, a qualsiasi titolo conferiti, nonché collaborazioni di consulenza, come richiesto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo:

a) estremi dell’atto di conferimento dell’incarico.

L’incarico di Direzione artistica e di Direzione organizzativa è stato conferito dal Comitato Esecutivo * e dall’ Assemblea dei Soci alla dott.ssa Fedra Florit dalla nascita dell’Associazione Chamber Music ad oggi. È rinnovato annualmente dall’Assemblea dei Soci, quale consulenza professionale (fatturata con partita iva).


b) curriculum vitae

Fedra Florit, pianista, dopo essersi brillantemente diplomata al Conservatorio di Trieste, si è perfezionata in repertorio cameristico alla Scuola di Musica di Fiesole con il Trio di Trieste, con Dario De Rosa e Maureen Jones, fino al 1982. Successivamente ha svolto un’intensa attività concertistica in Italia ed all’estero (più di 350 concerti in U.S.A., Cina, Austria, Ungheria, Romania, Cecoslovacchia, Jugoslavia e Turchia) in formazioni di duo e di trio. Nel frattempo si è laureata a pieni voti e lode in Filosofia.

Dal 1982 insegna Musica da Camera: dapprima al Conservatorio di Venezia e poi in ruolo Conservatorio di Udine. Da cinque anni presta servizio presso il Conservatorio di Trieste. I suoi allievi hanno conseguito negli ultimi anni successi di rilievo in concorsi cameristici nazionali.

Dal 1985 ha intrapreso un’attività più specificamente musicologica, inizialmente quale critico musicale per Il Piccolo di Trieste e per la RAI; ha collaborato poi con importanti periodici ed inoltre con alcuni Teatri e Società concertistiche italiane per le note esplicative dei programmi di sala.

Dall’ottobre ‘88, per cinque anni, è stata il responsabile delle scelte artistiche per la Stagione da Camera di Mestre-Venezia. Nel dicembre 1992, per la E.D.T. di Torino, ha pubblicato la monografia “Il Trio di Trieste. Sessant’anni di musica insieme”. Il libro è stato presentato ufficialmente all’Accademia di S. Cecilia di Roma, alla presenza del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, e al Gabinetto Viesseux di Firenze.

Dal 1995 è Direttore Artistico del Concorso Internazionale per complessi da camera con pianoforte “Premio Trio di Trieste”, dedicato all’attività del Trio di Trieste e riservato a formazioni dal duo al quintetto, per pianoforte ed archi. Nel contempo ha avviato, a corollario del Concorso, la rassegna annuale “Premiatissimi”, che ha riportato nella Regione Friuli Venezia Giulia i giovani premiati alla competizione triestina.

Inoltre, ha promosso il Festival pianistico “Giovani interpreti & grandi maestri” (presenti ad oggi una cinquantina di pianisti, da R. Lupu e K. Zimerman, a R. Plano, M. Baglini, E. Virssaladze, A. Cohen, J. Gilad, H. Schuch, E. Nebolsin, A. Nosè, R. Bahrami, B. Lupo, A. Kobrin, E. Bozhanov, G. Andaloro, E. Arciuli, D. Trifonov e via dicendo) attualmente alla sua XIV edizione, e avviato alcuni interventi musicali nelle più belle, e storicamente note, sale di Trieste (“Le musiche dell’Imperatore” e “Il 18 alle ore 18”), inizialmente in collaborazione con il FAI.

 

Dal 2004 l’Associazione Chamber Music, diretta da Fedra Florit, presenta alla città di Trieste un’importante stagione concertistica, affiancata al Concorso “Premio Trio di Trieste” divenuto dal 2003 biennale per la parte dell’Esecuzione, e attualmente impegnato anche sul fronte della Composizione cameristica. Il “Salotto cameristico” si attua nella Sala del Ridotto del Teatro Verdi e in Sala Tripcovich e sta riportando a Trieste complessi di gran pregio, quali la Camerata dei Berliner Philharmoniker, il Trio di Parma, I Solisti di Pavia con E. Dindo, il Quartetto d’archi del Teatro alla Scala, Maureen Jones and Friends, I Virtuosi Italiani, il Philharmonisches Streichquintett Berlin, il Mahler Jugend Ensemble, e via dicendo, accanto a validissimi giovani complessi emergenti, provenienti da tutto il mondo, quali il Duo Sitkovetsky, il Trio Mondrian, l’Artimus Ensemble, l’Ars Trio, il Trio Debussy e il Quartetto Prometeo.

Per 14 anni è stata il consulente musicale della Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste, di Duino (Trieste), e per tre anni consulente musicale della Fondazione Regionale per lo Spettacolo del Friuli Venezia Giulia. E’ frequentemente membro di Giuria in concorsi internazionali.

Nel 1997 il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro ha conferito a Fedra Florit l’onorificenza di Commendatore “al merito della Repubblica Italiana”.

c) compensi, comunque denominati relativi al rapporto di lavoro, di consulenza o di collaborazione


I compensi – in rapporto di lavoro autonomo, autorizzato dal Conservatorio di Trieste, presso cui la prof.ssa Fedra Florit presta servizio in ruolo – per la Direzione artistica e per la Direzione organizzativa annuale del Concorso Internazionale “Premio Trio di Trieste” e di non meno di 16 importanti concerti facenti parte di una Stagione concertistica, ammontano ad un totale di euro 19.336,20 e di 10.001,02 euro lordi, rispettivamente per il primo e per il secondo incarico, strettamente collegati.

* Il Comitato Esecutivo 2016-17 dell’ ACM è così formato:
Maria Luisa Vaccari (Presidente)
Anna Rossi Illy (Vicepresidente)
Antonio Fogazzaro (Tesoriere)
Luigi Cattin
Paola Pavesi 
e opera a titolo totalmente gratuito.

                                                        Il Legale rappresentante
                                                     Maria Luisa Vaccari