Il Direttore Artistico
dell'Associazione Chamber Music di Trieste

Fedra Florit, pianista, dopo essersi brillantemente diplomata al Conservatorio di Trieste, si è perfezionata in repertorio cameristico alla Scuola di Musica di Fiesole con il Trio di Trieste, con Dario De Rosa e Maureen Jones, fino al 1982. Successivamente ha svolto un’intensa attività concertistica in Italia ed all’estero, sostenendo più di 350 concerti (in U.S.A., Cina, Austria, Ungheria, Romania, Cecoslovacchia, Jugoslavia e Turchia) in formazioni di duo e di trio. Nel frattempo si è laureata a pieni voti e lode in Filosofia.

Dal 1982 insegna Musica da Camera: dapprima al Conservatorio di Venezia, quindi in ruolo Conservatorio di Udine e attualmente al Conservatorio di Trieste. I suoi allievi hanno conseguito negli ultimi anni successi di rilievo in concorsi cameristici nazionali.
Dal 1985 ha intrapreso un’attività più specificamente musicologica, inizialmente quale critico musicale per Il Piccolo di Trieste e per la RAI; ha collaborato poi con importanti periodici ed inoltre con alcuni Teatri e Società concertistiche italiane per le note esplicative dei programmi di sala.
Dall’ottobre ‘88, per cinque anni, è stata il responsabile delle scelte artistiche per la Stagione da Camera di Mestre-Venezia. Nel dicembre 1992, per la E.D.T. di Torino, ha pubblicato la monografia “Il Trio di Trieste. Sessant’anni di musica insieme”. Il libro è stato presentato ufficialmente all’Accademia di S. Cecilia di Roma, alla presenza del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, e al Gabinetto Viesseux di Firenze.
Dal 1995 è Direttore Artistico del Concorso Internazionale per complessi da camera con pianoforte “Premio Trio di Trieste”, dedicato all’attività del Trio di Trieste e riservato a formazioni dal duo al quintetto, per pianoforte ed archi. Nel contempo ha avviato, a corollario del Concorso, la rassegna annuale “Premiatissimi”, che ha riportato nella Regione Friuli Venezia Giulia i giovani premiati alla competizione triestina.

Inoltre, ha promosso il Festival pianistico “Giovani interpreti & grandi maestri” (presenti ad oggi una sessantina di pianisti, da R. Lupu e K. Zimerman, a R. Plano, M. Baglini, E. Virssaladze, A. Cohen, J. Gilad, H. Schuch, E. Nebolsin, A. Nosè, R. Bahrami, B. Lupo, A. Kobrin, E. Bozhanov, G. Andaloro, E. Arciuli, D. Trifonov e via dicendo) nel 2015 alla sua XIV edizione, e avviato alcuni interventi musicali nelle più belle, e storicamente note, sale di Trieste (“Le musiche dell’Imperatore”), inizialmente in collaborazione con il FAI.

Dal 2004 l’Associazione Chamber Music, diretta da Fedra Florit, presenta alla città di Trieste un’importante stagione concertistica, affiancata al Concorso divenuto dal 2003 biennale, per la parte dell’esecuzione, mentre si è avviata un’edizione dedicata alla Composizione (ad anni alterni) con il Coral Award, dedicato a Giampaolo Coral.

Il “Salotto cameristico” si attua nella Sala del Ridotto del Teatro Verdi e in Sala Tripcovich e sta riportando a Trieste complessi di gran pregio, quali la Camerata dei Berliner Philharmoniker, il Trio di Parma, I Solisti di Pavia con E.Dindo, il Quartetto d’archi del Teatro alla Scala, Maureen Jones and Friends, I Virtuosi Italiani, il Philharmonisches Streichquintett Berlin, e via dicendo, accanto a validissimi giovani complessi emergenti, provenienti da tutto il mondo, quali il Duo Sitkovetsky, il Trio Debussy, il Trio Mondrian, l’Ars Trio e il Taras Ensemble.
Per 14 anni è stata il consulente musicale della Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste, di Duino (Trieste), e per tre anni consulente musicale della Fondazione Regionale per lo Spettacolo del Friuli Venezia Giulia. E’ frequentemente membro di giuria in concorsi internazionali.

Nel 1997 il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro ha conferito a Fedra Florit l’onorificenza di Commendatore “al merito della Repubblica Italiana”.