Home Stagione Cameristica - Edizione 2021 Lunedì 24 maggio 2021 > Philharmonisches Ensemble

Lunedì 24 maggio 2021 > Philharmonisches Ensemble

Teatro Miela – ore 19.30

Graziano Mancini clarinetto
Marco Panella corno
Constantin Beschieru violino
Ermanno Franco violoncello
Andrea Rebaudengo pianoforte

Robert Kahn (1865 – 1951)
Serenata per pianoforte, clarinetto e corno op.73 (1922)
1. Andante sostenuto
2. Vivace
3. Allegretto non troppo e grazioso

Quintetto per cl, cr, vl, vlc e pf in do minore op.54 (1910)
1. Allegro non troppo
2. Presto assai
3. Andante sostenuto
4. Allegro agitato

Zdeněk Antonín Václav Fibich (1850 – 1900)
Quintetto in re maggiore per cl, cr, vl, vlc e pf op.42
1. Allegro non tanto
2. Largo
3. Scherzo con fuoco
4. Allegro con spirito

Il PHILHARMONISCHES ENSEMBLE è nato recentemente all’interno dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai per esplorare quel repertorio cameristico che vede impegnati archi, fiati e pianoforte in varie combinazioni. Ha inoltre commissionato al compositore triestino Stefano Sacher “Impromptu per ottetto di archi e fiati”. Il gruppo svolge regolare attività in Italia e all’estero e si è esibito più volte a Roma nella Cappella Paolina per i concerti del Quirinale in diretta su Radio3.
A soli 16 anni Graziano Mancini ha conseguito il Diploma in clarinetto presso il Conservatorio di S. Cecilia con il massimo dei voti sotto la guida di Nicola Conte. Ha vinto il Concorso nazionale per il ruolo di secondo clarinetto nell’Orchestra Sinfonica della Rai di Roma dove ha svolto la sua attività professionale fino al 1994, anno in cui si è trasferito a Torino per ricoprire lo stesso ruolo nella nuova Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Mancini ha avuto il privilegio di suonare con alcuni dei più grandi direttori d’orchestra come R. Muti, Z. Mehta, G. Pretre, J. Temirkanov, L. Maazel, tra gli altri. Oltre a quella orchestrale affianca un’intensa attività didattica e cameristica.
Nato a Trieste, Marco Panella ha studiato presso il Conservatorio della sua città con Romildo Grion. Si è perfezionato con Dale Clevenger e Arnold Jacobs negli Stati Uniti e con Peter Damm e Radovan Vlatković in Europa. È Primo Corno solista de “I Fiati di Parma” con cui ha inciso per Amadeus e Classic Voice. Dal 2000 ha intrapreso studi specifici sulla musica antica suonando strumenti storici e svolgendo attività concertistica e discografica in Italia e all’estero. Dal 2005 suona nel Brass Express (quintetto di ottoni) dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.
Nato a Chisinau, Constantin Beschieru ha iniziato lo studio del violino all’età di sei anni ottenendo il diploma sia in Moldavia sia al Conservatorio di Venezia. Si è perfezionato negli Stati Uniti dove ha svolto un’intensa attività solistica, cameristica, oltre ad aver assunto il ruolo di spalla nell’Orchestra del Texas University of Music nel 2005. Vincitore del Concorso Geminiani di Verona (2004) e del Concorso Internazionale di Musica da Camera Rospigliosi – sezione Quartetto (2006) con il Ludus Quartett, Beschieru ricopre stabilmente il ruolo di Concertino dei violini primi nell’orchestra I Virtuosi Italiani, con la quale si esibisce anche in veste di solista. Collabora regolarmente con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.
Ermanno Franco si è diplomato in violoncello con il massimo dei voti sotto la guida di Paola Mosca. Vincitore di concorsi presso l’Orchestra Toscanini di Parma, l’Orchestra Rai di Torino, il Teatro dell’Opera di Roma, finalista al Concorso di Vittorio Veneto, vincitore del Premio Manta, ha fatto parte, anche come solista, di numerosi complessi orchestrali e cameristici. Ha tenuto la Cattedra di Quartetto d’Archi presso il Conservatorio di Alessandria fino al 1998. Suona regolarmente con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. È laureato in Matematica e svolge, parallelamente all’impegno musicale, una densa attività di consulenza in ambito informatico.
Andrea Rebaudengo ha studiato pianoforte con Bordoni, Berman, Lonquich, Jasinsky e composizione con Danilo Lorenzini. Ha suonato per le più importanti istituzioni concertistiche italiane ed internazionali. In veste di solista si è esibito insieme all’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra Sinfonica di Zwickau, Orchestra Filarmonica di Torino, gli Ottoni della Scala. È il pianista dell’ensemble “Sentieri Selvaggi” con il quale si è esibito a Roma, Milano, New York, Mosca, Festival MiTo, Festival della Letteratura di Mantova, Biennale di Venezia, presentando spesso prime esecuzioni di autori contemporanei. Attivo sia come solista sia come camerista, suona in Duo con la violista Danusha Waskiewicz, con la cantante Cristina Zavalloni, con il percussionista Simone Beneventi, e in Duo pianistico con Emanuele Arciuli. Attualmente insegna al Conservatorio Verdi di Milano.

Comments are closed.