Home Stagione Cameristica - Edizione 2020 4 marzo 2020 > Luigi Piovano

4 marzo 2020 > Luigi Piovano

Teatro Miela – ore 20.30

Luigi Piovano – violoncellista
 

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)

Suite n. 1 in sol maggiore BWV 1007

  1. Prélude
  2. Allemande
  3. Courante
  4. Sarabande
  5. Menuett I
  6. Menuett II
  7. Gigue

Antonio Piovano (1938)

Tre Pezzi per violoncello solo

Louis Andriessen (1939)

La Voce (1981)

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)

Suite n. 2 in re minore BWV 1008

  1. Prélude
  2. Allemande
  3. Courante
  4. Sarabande
  5. Menuett I
  6. Menuett II
  7. Gigue

 

Primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, Luigi Piovano si è diplomato in violoncello a 17 anni col massimo dei voti e la lode sotto la guida di Radu Aldulescu, con cui in seguito si è diplomato in violoncello e musica da camera anche al Conservatorio Europeo di Parigi. Nel 1999 è stato scelto da Maurizio Pollini per partecipare al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, alla Carnegie Hall, a Tokyo e a Roma. Ha tenuto concerti di musica da camera con artisti del calibro di Sawallisch, Chung, Lonquich, Sitkovetsky, Kavakos, Eberle, le sorelle Labeque, Lugansky, Bilson. Dal 2007 suona regolarmente in duo con Antonio Pappano.Ha suonato come solista con prestigiose orchestre – Tokyo Philharmonic, New Japan Philharmonic, Accademia di Santa Cecilia, Seoul Philharmonic, Orchestre Symphonique de Montréal – sotto la direzione di direttori come Chung, Nagano, Pletnev, Boreyko, Menuhin, Bellugi. Nel 2018 ha riscosso un enorme successo in Giappone eseguendo il Concerto di Isang Yun con la Japan Philharmonic alla Suntory Hall, il Concerto di Dvořák con la Kyoto Symphony diretta da Gianluigi Gelmetti e quello di Saint-Saëns con la Hyogo PAC Orchestra. Suona un violoncello Alessandro Gagliano del 1710. Come Direttore ha collaborato con solisti come Bacalov, Bollani, De Maria, Lupo, Mingardo, Sitkovetsky, Sokolov, Thiollier e ha registrato per Naxos e per Eloquentia. Dal 2008 al 2016 è stato direttore artistico dell’Estate Musicale Frentana di Lanciano. Dal 2013 al 2017 è stato direttore musicale di Roma Tre Orchestra. Dal 2012 è direttore musicale dell’Orchestra ICO della Magna Grecia, con la quale ha diretto importanti pagine fra le quali l’integrale delle Sinfonie e dei Concerti di Brahms, la Quarta, Quinta e Sesta Sinfonia e i Concerti di Čajkovskij, la Sinfonia in re di Franck, i due Concerti di Ravel. Dal 2013 è alla testa degli Archi dell’Orchestra di Santa Cecilia. Insieme hanno riscosso entusiastici consensi e hanno inciso diversi CD, tra cui l’integrale della musica per archi di Mozart, registrata per un CD uscito insieme alla rivista “Amadeus” a novembre 2019. Di recente uscita, per Sony International, un CD con la prima registrazione mondiale della versione per violoncello e archi delle Stagioni, realizzata da Luka Šulić. Fra gli impegni recenti come direttore, concerti sul podio di molte orchestre italiane (Orchestra Sinfonica Abruzzese, Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, Camerata Strumentale Città di Prato, Orchestra del Festival di Bergamo e Brescia, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Sinfonica Siciliana, Filarmonica Marchigiana, Orchestra da Camera dell’Accademia di Santa Cecilia), lo Stabat Mater di Dvořák al Teatro Bellini di Catania e, all’estero, il debutto con la New Japan Philharmonic Orchestra. Fra gli impegni nel 2020, Tosca al Teatro Bellini di Catania e il debutto con l’Orchestra Haydn di Bolzano.

Comments are closed.