Home Comunicati Stampa 2019 Domenica 27 ottobre appuntamento con il Duo Veles e il Duo Perišić – Tull

Domenica 27 ottobre appuntamento con il Duo Veles e il Duo Perišić – Tull

LE MUSICHE DEL DUO VELES PER SPAZIARE DA “FOUR FRENCH FOLK SONGS” DI MÁTYÁS SEIBER ALLE CANCIONES ESPAÑOLAS ANTIGUAS DA FEDERICO GARCÍA LORCA, CHIUDENDO CON LA “COPLAS DEL PASTOR ENAMORADO” DI JOAQUÍN RODRIGO. SECONDA PARTE DEL CONCERTO CON IL DUO PERIŠIĆ – TULL SULLE “7 ROMANZE DA SALOTTO” PER VOCE E FISARMONICA.
GORIZIA – Gran finale per gli Aperitivi di Chamber Music a Gorizia: appuntamento domenica 27 ottobre alle 18 a Palazzo de Grazia (via Oberdan 15, Gorizia) per un doppio concerto dedicato alle Voci giovani. Si parte con il Duo Veles, ovvero Mateja Petelin soprano e Pavel Cyargeenka chitarra: in programma l’esecuzione di Four French Folk Songs di Mátyás Seiber, Canciones Españolas Antiguas da Federico García Lorca e Coplas del pastor enamorado di Joaquín Rodrigo. Il Duo Veles si è perfezionato alla prestigiosa Accademia musicale Chigiana (Siena) sotto la guida di Oscar Ghiglia, si è esibito in qualità di migliori allievi durante i concerti estivi organizzati dall’Accademia stessa e ha ottenuto la borsa di studio per gli studenti più meritevoli, assegnata da Oscar Ghiglia. Veles è un’importante divinità antica slava, protettrice dei musicisti. La collaborazione tra la cantante slovena Mateja Petelin e il chitarrista bielorusso Pavel Cyargeenka è iniziata nel 2015 a Trieste al corso di Musica da Camera tenuto da Fedra Florit al Conservatorio “Giuseppe Tartini”. Il Duo si è perfezionato alla prestigiosa Accademia musicale Chigiana (Siena), si è esibito in qualità di migliori allievi durante i concerti estivi organizzati dall’Accademia e ha ottenuto la borsa di studio per gli studenti più meritevoli. La seconda parte sarà affidata al Duo Perišić – Tull, baritono e fiarmonica: sigleranno il concerto con le “7 Romanze da salotto” per voce e fisarmonica. L’ingresso al concerto è aperto gratuitamente alla città, sostengono l’iniziativa il Comune di Gorizia, ZKB, Suono Vivo – Padova e lo Studio Deboni Ferletic. Dettagli e info www.acmtrioditrieste.it

Mateja Petelin è un giovane soprano sloveno dalle numerose esperienze internazionali. Ha frequentato il Conservatorio Reale dell’Aia in Olanda, ha brillantemente concluso il Biennio specialistico in Canto al Conservatorio di Trieste nella classe di Cinzia De Mola ed ha frequentato diverse master class con Susan McCulloch, Catherine Wyn-Rogers, Mireille Alcantara, Lucia Mazzaria, Daniela Mazzucato, Max Renè Cosotti, Marcel Reijns. Importanti i riconoscimenti in concorsi internazionali, fra i quali la Medaglia d’oro all’European Competition for young soloists in Lussemburgo. Il suo repertorio cameristico spazia dal classico al contemporaneo. È docente di Canto presso la Scuola di Musica di Sesana. Pavel Cyargeenka, chitarrista bielorusso, ha iniziato gli studi alla Scuola di Musica di Moghilev. Ha vinto numerosi premi, partecipando a concorsi internazionali in Bielorussia, Ucraina e Russia, sia in qualità di solista, sia in formazioni cameristiche. Dopo essersi diplomato, ha proseguito gli studi al Conservatorio di Trieste. Nel 2017 e si è perfezionato presso il Conservatorio “Joaquin Rodrigo” di Valencia (Spagna) e con Gabriel Guillen (Venezuela – Austria). Si è laureato presso il Conservatorio di Trieste con il massimo dei voti e la lode e si è quindi iscritto al Corso di Biennio specialistico al Conservatorio di Bologna nella classe di Walter Zanetti. Nel 2018 si è esibito con grande successo nella prestigiosa Sala della Filarmonica Statale di Bielorussia. Milan Perišić, nativo di Novi Sad (Serbia), classe 1992, si è diplomato all’Istituto “Isidor Bajić” di Novi Sad con il massimo dei voti, per laurearsi in Composizione (2015) all’Accademia dell’Arte di Novi Sad. Attualmente è studente del Biennio specialistico in canto lirico al Conservatorio di Musica Tartini. Si è esibito in molti paesi d’Europa come corista e solista, recentemente realizzando anche i ruoli operistici in “Gianni Schicchi” (Croazia e Ungheria) e in “La Bohème” di Puccini (Serbia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina e Montenegro). Mitja Tull ha iniziato lo studio della fisarmonica alla Glasbena Matica sotto la guida di Claudio Furlan e Fulvijo Jurinčič. Attualmente è iscritto al corso di Triennio Superiore nella classe di Fisarmonica di Corrado Rojac e nella classe di Musica da camera di Fedra Florit presso il Conservatorio di Musica Tartini. Come solista è stato premiato al Concorso Internazionale “Città di Pamanova” (Primo Premio), al Concorso Internazionale “T. Holmar” (Secondo Premio), al Concorso Internazionale “Svirel” (Secondo Premio). Ha collaborato come fisarmonicista in scena nello spettacolo “La Guerra” di Carlo Goldoni, produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, è docente di fisarmonica presso la Scuola di Musica “I Piccoli Musici” di Trieste.

Press ufficiostampa@volpesain.com

Comments are closed.