Home Comunicati Stampa 2019 Dal 7 al 9 settembre a trieste la 20° Edizione dedicata al Duo, Trio e Quartetto con pianoforte ed archi

Dal 7 al 9 settembre a trieste la 20° Edizione dedicata al Duo, Trio e Quartetto con pianoforte ed archi

PER I DUO: PIANO-VIOLINO CHO-DOTTO (SUD COREA-ITALIA/USA), RUGANI-SABATINI (ITALIA), SARASVATHI-NOWAK (INDONESIA-POLONIA); PIANO – VIOLA POLINSKAJA-BALAN (GERMANIA-ISRAELE/RUSSIA), PIANO – CELLO GÜNTER-KIM (GERMANIA-FRANCIA) E KATHARINA E ANOUCHKA HACK (GERMANIA). PER I TRIO: LUX TRIO (SUD COREA) PIANO TRIO VISION (LETTONIA) TRIO CHAGALL (ITALIA); PER IL QUARTETTO: QUARTETTO WERTHER (ITALIA).

TRIESTE – Festeggia la sua 20^ edizione del Concorso internazionale Premio Trio di Trieste, in programma da sabato 7 a lunedì 9 settembre, nella Sala Ridotto del Teatro Verdi di Trieste. Con una straordinaria edizione si rinnova dunque l’appuntamento con uno degli eventi cameristici più noti e attesi sulle scene musicali mondiali: curato e promosso dall’associazione Chamber Music Trieste per la direzione artistica di Fedra Florit, il Premio annovera ad oggi la partecipazione di oltre 700 Ensemble, ovvero oltre 1600 musicisti provenienti da una cinquantina di Paesi di tutto il mondo. La 20^ edizione, dedicataria della Medaglia del Presidente della Repubblica, è realizzata in collaborazione con la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, il Comune di Trieste e l’InCE – Iniziativa Centro-europea Sostengono il Concorso la Fondazione CRTrieste, Generali, Samer &Co Shipping, Beneficentia Stitfung, Fondazione Casali, Fondazione Illy, Rotary Club Trieste Nord, Civibank, partner di riferimento la sede RAI Friuli Venezia Giulia e il Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste.

L’edizione 2019 è focalizzata sull’esecuzione dei Duo, dei Trii e dei Quartetti con pianoforte ed archi: il concerto dei vincitori è già in agenda lunedì 9 settembre 2019, nella Sala Ridotto del Teatro Verdi “Victor de Sabata” alle 20.30: sarà ripreso e diffuso in diretta da Rai Radio3. In gara nelle giornate precedenti si sfideranno 10 Ensemble scelti a Trieste dalla prestigiosissima Giuria 2019 del Premio, composta da sette membri votanti: il presidente Luigi Piovano e con lui il pianista Maurizio Baglini, il lituano David Geringas membro designato dall’Accademia Chigiana di Siena e ancora Alberto Martini, membro designato dal Conservatorio di Trieste, la giapponese Yasuko Matsuda, l’austriaco Johannes Meissl e il violista giapponese Junichiro Murakami.

L’idea di istituire un Concorso Internazionale per pianoforte e archi che si modelli sull’attività cameristica e sui criteri interpretativi del Trio di Trieste nasceva per iniziativa del Direttore artistico di Chamber Music, Fedra Florit: dapprima assieme ai Maestri del Trio di Trieste e attualmente in autonomia, quale curatrice del Premio, sceglie di anno in anno i componenti delle prestigiose Giurie e definisce il repertorio da affrontarsi nelle tre prove eliminatorie previste dal regolamento del Concorso. «Quest’anno il Premio Trio di Trieste festeggia due decenni di musica – spiega il direttore artistico Fedra Florit, musicologa e pianista – e nel tempo ha ricaricato la sua forza confermandosi fra i Concorsi “must” in tutto il mondo per gli Ensemble in carriera, che a Trieste guardano come a una preziosa fucina cameristica, erede della indimenticata tradizione e cifra stilistica del suo grande “Trio”: oggi è considerato, sia dalla stampa specializzata che dagli esperti del settore, uno dei maggiori concorsi a livello internazionale e tra i 5 più importanti al mondo a livello cameristico. Il concerto finale verrà trasmesso in diretta da Rai Radio3 e con il regista Davide Del Degan realizzeremo un “corto” incentrato su questa edizione, per noi fonte di particolare orgoglio».
«La Fondazione CRTrieste – spiega il Presidente Tiziana Benussi – è lieta di continuare a sostenere il Concorso Internazionale “Premio Trio di Trieste”, una attività giunta alla sua 20^ edizione, che porta nella nostra città artisti e giurati di livello internazionale con una proposta musicale di alto profilo».
«Passione, talento, innovazione sono tutti termini che ben descrivono i partecipanti al Premio Trio di Trieste – afferma Emma Ursich, responsabile Corporate Identity del Gruppo Generali –. Generali sostiene da molto tempo il Premio perché siamo convinti che la musica sia un linguaggio che stimola e accompagna la crescita culturale dei singoli e della comunità e la ricerca e la valorizzazione di talenti che la esprimano al meglio sia un arricchimento per tutti».

Le prove di selezione, così come il Concerto dei premiati, si terranno nella Sala Ridotto del Teatro Verdi di Trieste, aperta al pubblico. Gabriele Cosmi, vincitore del “Premio Trio di Trieste – Coral Award” 2018 Premio Generali, ha composto i 5 movimenti della Suite che verranno eseguiti dal vivo (con Cosmi presente) durante la seconda prova da ogni categoria. La seconda prova eliminatoria e la prova finale live si svolgeranno dal 7 al 9 settembre 2019 nella Sala del Ridotto del Teatro Verdi di Trieste: sabato 7 settembre dalle 9.30 alle 17; domenica 8 settembre dalle 13 alle 17.30; e infine lunedì 9 settembre dalle 10.00. E’ prevista l’esecuzione di un’ora di musica per ciascuna eliminatoria.

Obiettivo del Concorso è la valorizzazione del lavoro cameristico di quei gruppi che, per mentalità e gusto, seguono criteri cameristici affini a quelli che hanno condotto il Trio di Trieste ai vertici mondiali in più di sessant’anni d’attività cameristica e didattica. Quindi, formazioni stabili, lettura attenta della partitura, fusione tra pianoforte e archi, nettezza di fraseggio e determinatezza critica ed autocritica, tali da affinare i risultati nel tempo e da definire un complesso dalla spiccata personalità. La scelta del tipo di formazioni (unicamente per pianoforte e archi, dal duo al quintetto) vuole ricordare il repertorio più amato ed eseguito dal Trio di Trieste, ma anche limitare il giudizio delle giurie internazionali, che di anno in anno si susseguono, al “settore” più importante della cameristica.
La Giuria prevedeva inizialmente la presenza costante di Dario De Rosa, il magnifico pianista del Trio di Trieste, quale Presidente Onorario. Nel 2013 Dario De Rosa è mancato, all’età di 93 anni. A giudicare i giovani musicisti si sono alternati i nomi più prestigiosi del panorama musicale internazionale. Tra essi: Franco Gulli, Rocco Filippini, Boris Bekhterev, Piero Farulli, Renato Zanettovich, Alexander Lonquich, Aldo Ciccolini, Franco Rossi, Konstantin Bogino, Peter Maag, Viktor Pikayzen, Norbert Brainin, Koichiro Harada, François-Joël Thiollier, Arnaldo Cohen, Elisso Virsaladze, Peter Maag, Dmitri Bashkirov, Hatto Beyerle, Marianne Chen, Irwin Gage, Barry Tuckwell, Maria Kliegel, Valentin Gheorghiu, Michael Frischenschlager, Igor Ozim, Homero Francesch, Yasuko Matsuda, Pavel Vernikov, Stephen McIntyre, Maria Tipo, Maureen Jones, Natalia Gutman, Friedemann Weigle, Marcello Abbado, Conrad Muck, Siavush Gadjiev, Oleg Maisenberg, solo per citarne alcuni.
Numerosi i premi in palio per quello che resta certamente uno dei più importanti Concorsi Cameristici a livello mondiale, fucina di talenti che oggi a pieno titolo rientrano fra gli artisti di riferimento della scena Cameristica internazionale. Il primo Premio “Premio Trio di Trieste” mette in palio 9.000 € (quest’anno in ricordo di Dario Samer), il Premio Speciale “Anna Maria e Giorgio Ribotta” che prevede 5.000 € e una serie di concerti promossi dalla Direzione artistica del Concorso presso enti quali l’Accademia Musicale Chigiana – “Micat in Vertice”, Fondazione Cini di Venezia, Teatro Ristori di Verona, ACM – Stagione cameristica 2020 a Trieste e inoltre Teatro Verdi Pordenone, Bologna Festival, Circolo Culturale Bellunese, Fazioli Concert Hall di Sacile, Festival Trieste Prima di Trieste, Europaiches Podium 2019 MUMUTH, Graz. Previsti inoltre un secondo e terzo Premio, i Premi Speciali “Dario De Rosa” e “Fernanda Selvaggio” e lo Young Award 2019, con consegna di una Medaglia al complesso piu’ promettente e in ricordo di Alessandro Pinzani, proposto da una giuria di studenti di Biennio del Conservatorio di Trieste.

Press: ufficiostampa@volpesain.com

Comments are closed.