Home Festival pianistico - edizione 2018 1 ottobre 2018 > Antonii Baryshevskyi

1 ottobre 2018 > Antonii Baryshevskyi

Ridotto del Teatro Verdi – ore 20.30

Antonii Baryshevskyi  pianista 

La razionalità smaterializzata, l’astratta meditazione

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)
Sonata n.30 in mi maggiore op.109
1. Vivace, ma non troppo. Adagio espressivo
2. Prestissimo
3. Gesangvoll, mit innigster Empfindung. Andante molto cantabile ed espressivo

Sonata n.31 in la bemolle maggiore op.110
1. Moderato cantabile, molto espressivo
2. Allegro molto
3. Adagio, ma non troppo – Arioso dolente
4. Fuga. Allegro, ma non troppo

* * *

Sonata n.32 in do minore op.111
1. Maestoso. Allegro con brio ed appassionato
2. Arietta. Adagio molto semplice cantabile

ANTONII BARYSHEVSKYI, nato a Kiev, ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di sei anni. A soli sedici anni ha ricevuto nel suo Paese il Premio “A Man of the Year 2005”.

Ha vinto numerosi importanti concorsi internazionali, tra i quali il Primo Premio al Concorso Internazionale Arthur Rubinstein di Tel Aviv 2014, il Secondo Premio, il Premio del Pubblico ed il Premio della Critica al Concorso Pianistico Internazionale “Ferruccio Busoni” di Bolzano 2011, il Primo Premio al Concorso Internazionale Premio Jaén 2009, il Secondo Premio al Concorso Internazionale “In Memory of Horowitz” di Kiev nel 2005, il Primo Premio al “Prix du piano Interlaken classic di Berna” 2014 e numerosi altri.

Nel 2014 è stato invitato da Martha Argerich ad esibirsi al Festival Progetto di Lugano, alla Wigmore Hall di Londra, al Gasteig Munich e Piano Festival della Ruhr, all’International Chopin Piano Festival di Duszniki-Zdroj (Polonia) e in numerose altre prestigiose sale da concerto. Antonii Baryshevskyi ha inoltre collaborato con alcune delle maggiori orchestre europee con importanti direttori e ha inciso per numerose emittenti televisive e radiofoniche in Italia, Danimarca, Spagna, Ucraina e Serbia. Il suo primo CD è stato pubblicato nel 2010 dall’etichetta Naxos Records e contiene musiche di Scarlatti, Ravel, Debussy, Rachmaninov, Stravinsky e Mateos.

Torna al nostro Festival Pianistico dopo il notevole successo ottenuto due anni fa.

Comments are closed.