Home Senza categoria 27 marzo 2017 > Duo Caiello – Bellocchio

27 marzo 2017 > Duo Caiello – Bellocchio

Alda Caiello - soprano 
Maria Grazia Bellocchio - pianoforte

Manuel de Falla (1876 - 1946)
Siete cantiones populares españolas
1. El paño moruno. Allegretto vivace 
2. Seguidilla murciana. Allegro spiritoso 
3. Asturiana. Andante tranquillo 
4. Jota. Allegro vivo 
5. Nana. Calmo e sostenuto 
6. Canción. Allegretto 
7. Polo. Vivo

Luciano Berio (1925 - 2003)
Quattro canzoni popolari 
1. Dolce cominciamento 
2. La donna ideale
3. Avendo gran disio 
4. Ballo

***

Maurice Ravel (1875 - 1937)
Cinq Mélodies populaires grecques
1. Chanson de la mariée. Modéré 
2. Là-bas, vers l’église. Andante 
3. Quel galant m’est comparable. Allegro 
4. Chanson des cueilleuses de lentisques. Lento 
5. Tout gai! Allegro

Sylvano Bussotti (1931)
Bovi Bovi dove andate 
(canto popolare toscano)

Sandro Gorli (1948)
‘O cunto ‘e Masaniello 
(canto popolare napoletano)

Fabio Nieder (1957)
Ljubica po vodo j' šla 
(canto popolare sloveno del territorio di Trieste)

Claudio Ambrosini (1948)
Se il mare fosse de tòcio - E mi me ne so’ ‘ndao 
(canto popolare veneto)

Luca Mosca (1957)
Tenghe na favecella 
(canto popolare molisano)

Marco di Bari (1958)
Mare maje 
(canto popolare abruzzese)

Giorgio Gaslini (1929 - 2014)
Kali Nifta 
(canto popolare pugliese)

ALDA CAIELLO è una delle maggiori interpreti nel panorama europeo per versatilità, ra natezza e capacità espressive. Diplomata in pianoforte e in canto al Conservatorio di Perugia, cantante prediletta da Berio per le sue Folk songs, si è esibita sotto la guida di direttori quali Berio stesso, Frans Brüggen, Myung-Whun Chung, Valery Gergiev, Gianandrea Noseda, Donato Renzetti, Waine Marshall, Christopher Franklin, Renato Rivolta, solo per citarne alcuni, e con registi del calibro di Daniele Abbado, Yoshi Oida, Cristina Mazzavillani Muti, Ignacio García e Giorgio Pressburger. È stata invitata dalle maggiori istituzioni musicali europee (Teatro alla Scala di Milano, Concertgebouw di Amsterdam, Wigmore Hall di Londra, Konzerthaus e Musikverein di Vienna, Maggio Musicale Fiorentino, Festival di Musica Contemporanea di Barcellona, Festival d’Automne di Parigi, Accademia Nazionale di S. Cecilia, Festival MITO).
Tra le sue ultime produzioni spiccano Lo specchio magico, di Fabio Vacchi al Maggio Musicale Fiorentino, La passion selon Sade di Bussotti per il Teatro dell’Opera di Roma e la nuova creazione operistica Oltre la porta di Carlo Boccadoro, al Festival di Stresa. Ha inciso per numerose etichette, riscontrando sempre un largo consenso di pubblico e di critica.

MARIA GRAZIA BELLOCCHIO dopo essersi diplomata con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore al Conservatorio di Milano, ha proseguito gli studi alla Hochschule di Berna con Karl Engel e a Milano con Franco Gei. Ha suonato con prestigiose orchestre, tra le quali ricordiamo l’Orchestra della RAI di Milano, Orchestra del Conservatorio di Milano, Milano Classica, Scottish Chamber Orchestra, Orchestra Toscanini di Parma, Orchestra Sinfonica Verdi di Milano e Orchestra Schleswig Holstein Music Festival, diretta da Leonard Bernstein. Suona regolarmente per le maggiori istituzioni concertistiche italiane e straniere (New Music of Middelburg, Klangforum di Vienna, Università di Valparaiso in Cile, Fondazione Gulbenkian di Lisbona, Festival Musica di Strasburgo, Festival Presences di Parigi, Biennale di Venezia, Printemps des Arts de MonteCarlo). Parallelamente all’attività solistica, si dedica anche alla musica da camera e ha suonato con musicisti quali Ingo Goritzki, Han de Vries, Renate Greis, Wolfgang Mayer, William Bennet, Sergio Azzolini, Rocco Filippini, Franco Petracchi, Elizabeth Norberg Schulz, Salvatore Accardo e Bruno Giuranna e in duo pianistico con Stefania Redaelli. Collabora stabilmente con il “Divertimento Ensemble”, diretto da Sandro Gorli. Ha inciso CD per Ricordi e Stradivarius. Insegna pianoforte all’Istituto Superiore di Studi Musicali “G. Donizetti” di Bergamo.

Comments are closed.