Home Al Ridotto alle ore 18 - edizione 2016 18 gennaio 2016 > Trio Ancillotti – Gotlibovich Corrado Merlak

18 gennaio 2016 > Trio Ancillotti – Gotlibovich Corrado Merlak

Al Ridotto del Teatro Verdi – ore 18.00

Mario Ancillotti – flauto
Yuval Gotlibovich – viola
Jasna Corrado Merlak – arpa

MUSICHE DI:

Maurice Ravel (1875 – 1937)
Carlos Salzedo (1885 – 1961)
Sonatina in Trio per flauto, viola e arpa
1. Modéré
2. Mouvement de menuet
3. Animé

Claude Debussy (1862 – 1918)
Six Épigraphes antiques
trascrizione di M. Ancillotti e J. Corrado Merlak
1. Pour Invoquer Pan, Dieu du Vent d’Été
2. Pour un Tombeau sans Nom
3. Pour que la Nuit Soit Propice
4. Pour la Danseuse aux Crotales
5. Pour l’Egyptienne
6. Pour Remercier la Pluie au Matin

Sonata per flauto, viola e arpa
1. Pastorale. Lento, dolce rubato
2. Interlude. Tempo di Minuetto
3. Final. Allegro moderato ma risoluto

MARIO ANCILLOTTI è uno dei musicisti più rappresentativi italiani, sia nell’ambito dello strumento di elezione, il flauto, che nella sua più recente attività di organizzatore e direttore. La sua fama è universalmente riconosciuta ed ha svolto attività nei cinque continenti. Formatosi al Conservatorio di Firenze con Luigi Dallapiccola, Roberto Lupi, Carlo Prosperi, Franco Rossi, Piero Farulli, Piero Bellugi, si è poi trasferito a Roma ricoprendo assieme a Severino Gazzelloni l’incarico di Primo Flauto dell’Orchestra della Rai di Roma e successivamente di Santa Cecilia. Dopo otto anni, abbandonato l’incarico, si è dedicato interamente all’attività solistica, che lo ha portato a collaborare con musicisti quali Accardo, Muti, Berio, Petrassi, Penderecki, Sciarrino, Henze, Canino, Spivakov, Giuranna, e suonando sotto la guida di Maag, Bellugi, Cambreling, Bour, Soudant, Gelmetti, Penderecki, Ferro, Melles, etc. Ancillotti insegna e tiene regolarmente seminari all’estero: in Svizzera (Scuola Universitaria di Musica di Lugano), Austria, Germania, Usa, Messico, Cile, Argentina, Cina, Repubblica Ceca, mentre in Italia ha insegnato per più di vent’anni ai Corsi Speciali di Perfezionamento della Scuola di Musica di Fiesole. Il coronamento della sua attività di musicista è la realizzazione del complesso Nuovo Contrappunto, nato in seno alla Scuola di Fiesole, di cui è direttore ed animatore. I progetti nati e divulgati con il Nuovo Contrappunto, hanno avuto il plauso e l’invito delle società musicali più importanti d’Italia, e l’uscita in poco più di un anno di ben due CD con musiche di Debussy, Ravel e de Falla per la rivista Amadeus nella veste di direttore e di solista. A marzo 2012 è uscito un suo CD interamente dedicato a musiche bachiane per la rivista Amadeus, e successivamente l’intera opera per flauto per la Camerata Tokyo.

L’israeliano YUVAL GOTLIBOVICH, formatosi con Atar Arad e Anna Rasnovsky, ha ottenuto primi premi in competizioni internazionali tra i quali: Fridolin Rusch, Aviv Competition, Avion Competitions e nel 2004 la Chamber Music Competition Fischoff. La sua attività concertistica si svolge prevalentemente in Europa, Stati Uniti e Israele. Ha suonato come solista con l’Orchestra Sinfonica di Gerusalemme, Tel Aviv Soloists, Orchestra del Texas Festival e Orchestra da camera Ostrobothnian. Ha collaborato con artisti di fama quali Menahem Pressler, Marc-André Hamelin, Nobuko Imai, Janos Starker. Ha inciso per la BBC, CBC in Canada, IBA in Israele, FRA in Francia, Deutschlandfunk in Germania, e NPR negli USA. È regolarmente ospite in festival e corsi estivi quali Kuhmo in Finlandia, Roundtp in Texas, Giverny e Villefavard in Francia. Un album dal titolo “Chamber Music of Jean Françaix” lo ha visto protagonista con la prima registrazione della versione originale della Rhapsodie per viola e pianoforte (1946) e del Trio per clarinetto, viola e pianoforte. Ha collaborato con l’Ensemble Modern a Francoforte, Ensemble Callisto a Chicago, ICTUS a Bruxelles, 216BCN a Barcellona e 21 in Israele e con compositori come Krzysztof Penderecki, Henri Dutilleux, György Kurtág e Sofia Gubaidulina. È stato il più giovane professore alla facoltà dell’Indiana University dal 2004 al 2008. È entrato nella facoltà della Escuela Superior de Musica Reina Sofia come assistente di Diemut Poppen e dal 2009 è Professore al Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano.

JASNA CORRADO MERLAK, triestina, ha studiato arpa presso il Conservatorio Tartini di Trieste proseguendo la tradizione musicale di famiglia. Diplomata con il massimo dei voti e la lode ha poi vinto concorsi nazionali ed internazionali che l’hanno portata ad esibirsi a Parigi, Vienna, Amsterdam. Contemporaneamente si è perfezionata presso la Eastman School of Music di Rochester negli USA, dove ha svolto un’intensa attività concertistica. Si è esibita nei Festival di Spoleto, Ludlow e Warwick in Inghilterra, Miami, Belgrado, Lubiana, Lecce, Festival di Radio France a Montpellier. Per la casa discografica Hyperion ha inciso a Londra il Concerto per clavicembalo, revisionato per arpa, di Paisiello con la European Community Chamber Orchestra con la quale ha preso parte a una tournée in Inghilterra ed Olanda. All’Auditorium Aristoteles di Salonicco ha presentato in prima mondiale il Concerto del Timavo per arpa e orchestra a lei dedicato dal compositore triestino Fabio Vidali. Il Concerto è stato ripreso al Teatro Verdi di Trieste in tre serate. Ha suonato da solista con l’Orchestra di Bratislava, Orchestra dell’Opera di Zurigo, Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Slovenska Filharmonija di Lubiana, ecc. Quale vincitrice del Concorso per giovani solisti della Wiener Kammer Orchestra ha suonato le “Danze Sacre e Profane” di Debussy, dirette da Philippe Entremont alla Konzerthaus di Vienna ed al Mozarteum di Salisburgo. Con la stessa Orchestra ha intrapreso una tournée assieme al flautista Wolfgang Schulz, sotto la direzione di Sandor Vegh, che l’ha portata ad esibirsi da Vienna, Bad Ischl, Linz fino a Zurigo. Intensa è inoltre la sua partecipazione in complessi cameristici quali il Glinka String Quartet ed il Tartini Quartet. Ha al suo attivo numerosi recital solistici tra i quali quello dedicato a musiche americane per arpa  presso il Teatro La Fenice di Venezia. Ha registrato per la RAI, BBC, ORF, Radio France ed RTV slovena. Recentemente ha partecipato alla Settimana Mozartiana di Rovereto, esibendosi nel Concerto per flauto e arpa di Mozart ed in seguito ha inaugurato con un recital solistico il Festival Fulgor Azione Contemporary Art 2015 di Arezzo.

Comments are closed.

18 gennaio 2016 > Trio Ancillotti – Gotlibovich Corrado Merlak

Al Ridotto del Teatro Verdi – ore 18.00

Mario Ancillotti – flauto
Yuval Gotlibovich – viola
Jasna Corrado Merlak – arpa

MUSICHE DI:

Maurice Ravel (1875 – 1937)
Carlos Salzedo (1885 – 1961)
Sonatina in Trio per flauto, viola e arpa
1. Modéré
2. Mouvement de menuet
3. Animé

Claude Debussy (1862 – 1918)
Six Épigraphes antiques
trascrizione di M. Ancillotti e J. Corrado Merlak
1. Pour Invoquer Pan, Dieu du Vent d’Été
2. Pour un Tombeau sans Nom
3. Pour que la Nuit Soit Propice
4. Pour la Danseuse aux Crotales
5. Pour l’Egyptienne
6. Pour Remercier la Pluie au Matin

Sonata per flauto, viola e arpa
1. Pastorale. Lento, dolce rubato
2. Interlude. Tempo di Minuetto
3. Final. Allegro moderato ma risoluto

MARIO ANCILLOTTI è uno dei musicisti più rappresentativi italiani, sia nell’ambito dello strumento di elezione, il flauto, che nella sua più recente attività di organizzatore e direttore. La sua fama è universalmente riconosciuta ed ha svolto attività nei cinque continenti. Formatosi al Conservatorio di Firenze con Luigi Dallapiccola, Roberto Lupi, Carlo Prosperi, Franco Rossi, Piero Farulli, Piero Bellugi, si è poi trasferito a Roma ricoprendo assieme a Severino Gazzelloni l’incarico di Primo Flauto dell’Orchestra della Rai di Roma e successivamente di Santa Cecilia. Dopo otto anni, abbandonato l’incarico, si è dedicato interamente all’attività solistica, che lo ha portato a collaborare con musicisti quali Accardo, Muti, Berio, Petrassi, Penderecki, Sciarrino, Henze, Canino, Spivakov, Giuranna, e suonando sotto la guida di Maag, Bellugi, Cambreling, Bour, Soudant, Gelmetti, Penderecki, Ferro, Melles, etc. Ancillotti insegna e tiene regolarmente seminari all’estero: in Svizzera (Scuola Universitaria di Musica di Lugano), Austria, Germania, Usa, Messico, Cile, Argentina, Cina, Repubblica Ceca, mentre in Italia ha insegnato per più di vent’anni ai Corsi Speciali di Perfezionamento della Scuola di Musica di Fiesole. Il coronamento della sua attività di musicista è la realizzazione del complesso Nuovo Contrappunto, nato in seno alla Scuola di Fiesole, di cui è direttore ed animatore. I progetti nati e divulgati con il Nuovo Contrappunto, hanno avuto il plauso e l’invito delle società musicali più importanti d’Italia, e l’uscita in poco più di un anno di ben due CD con musiche di Debussy, Ravel e de Falla per la rivista Amadeus nella veste di direttore e di solista. A marzo 2012 è uscito un suo CD interamente dedicato a musiche bachiane per la rivista Amadeus, e successivamente l’intera opera per flauto per la Camerata Tokyo.

L’israeliano YUVAL GOTLIBOVICH, formatosi con Atar Arad e Anna Rasnovsky, ha ottenuto primi premi in competizioni internazionali tra i quali: Fridolin Rusch, Aviv Competition, Avion Competitions e nel 2004 la Chamber Music Competition Fischoff. La sua attività concertistica si svolge prevalentemente in Europa, Stati Uniti e Israele. Ha suonato come solista con l’Orchestra Sinfonica di Gerusalemme, Tel Aviv Soloists, Orchestra del Texas Festival e Orchestra da camera Ostrobothnian. Ha collaborato con artisti di fama quali Menahem Pressler, Marc-André Hamelin, Nobuko Imai, Janos Starker. Ha inciso per la BBC, CBC in Canada, IBA in Israele, FRA in Francia, Deutschlandfunk in Germania, e NPR negli USA. È regolarmente ospite in festival e corsi estivi quali Kuhmo in Finlandia, Roundtp in Texas, Giverny e Villefavard in Francia. Un album dal titolo “Chamber Music of Jean Françaix” lo ha visto protagonista con la prima registrazione della versione originale della Rhapsodie per viola e pianoforte (1946) e del Trio per clarinetto, viola e pianoforte. Ha collaborato con l’Ensemble Modern a Francoforte, Ensemble Callisto a Chicago, ICTUS a Bruxelles, 216BCN a Barcellona e 21 in Israele e con compositori come Krzysztof Penderecki, Henri Dutilleux, György Kurtág e Sofia Gubaidulina. È stato il più giovane professore alla facoltà dell’Indiana University dal 2004 al 2008. È entrato nella facoltà della Escuela Superior de Musica Reina Sofia come assistente di Diemut Poppen e dal 2009 è Professore al Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano.

JASNA CORRADO MERLAK, triestina, ha studiato arpa presso il Conservatorio Tartini di Trieste proseguendo la tradizione musicale di famiglia. Diplomata con il massimo dei voti e la lode ha poi vinto concorsi nazionali ed internazionali che l’hanno portata ad esibirsi a Parigi, Vienna, Amsterdam. Contemporaneamente si è perfezionata presso la Eastman School of Music di Rochester negli USA, dove ha svolto un’intensa attività concertistica. Si è esibita nei Festival di Spoleto, Ludlow e Warwick in Inghilterra, Miami, Belgrado, Lubiana, Lecce, Festival di Radio France a Montpellier. Per la casa discografica Hyperion ha inciso a Londra il Concerto per clavicembalo, revisionato per arpa, di Paisiello con la European Community Chamber Orchestra con la quale ha preso parte a una tournée in Inghilterra ed Olanda. All’Auditorium Aristoteles di Salonicco ha presentato in prima mondiale il Concerto del Timavo per arpa e orchestra a lei dedicato dal compositore triestino Fabio Vidali. Il Concerto è stato ripreso al Teatro Verdi di Trieste in tre serate. Ha suonato da solista con l’Orchestra di Bratislava, Orchestra dell’Opera di Zurigo, Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Slovenska Filharmonija di Lubiana, ecc. Quale vincitrice del Concorso per giovani solisti della Wiener Kammer Orchestra ha suonato le “Danze Sacre e Profane” di Debussy, dirette da Philippe Entremont alla Konzerthaus di Vienna ed al Mozarteum di Salisburgo. Con la stessa Orchestra ha intrapreso una tournée assieme al flautista Wolfgang Schulz, sotto la direzione di Sandor Vegh, che l’ha portata ad esibirsi da Vienna, Bad Ischl, Linz fino a Zurigo. Intensa è inoltre la sua partecipazione in complessi cameristici quali il Glinka String Quartet ed il Tartini Quartet. Ha al suo attivo numerosi recital solistici tra i quali quello dedicato a musiche americane per arpa  presso il Teatro La Fenice di Venezia. Ha registrato per la RAI, BBC, ORF, Radio France ed RTV slovena. Recentemente ha partecipato alla Settimana Mozartiana di Rovereto, esibendosi nel Concerto per flauto e arpa di Mozart ed in seguito ha inaugurato con un recital solistico il Festival Fulgor Azione Contemporary Art 2015 di Arezzo.

Comments are closed.